MAGAZINE

Il meglio del Blog

I bambini e i disturbi del sonno.

sonno bambini disturbo

La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, SIPPS, ha intrapreso un nuovo progetto “Nutripiatto” con il quale si vuole fornire un orientamento nutrizionale per bambini da 4 a 12 anni, facendo capire ai genitori l’importanza di un giusto sonno, in termini di quantità e qualità,sia per i genitori stessi che per i bambini, attraverso dei consigli utili.
I disturbi del sonno che compaiono già in età neonatale, generalmente si protraggono sia nei bambini che negli adolescenti. Una delle cause per cui si verifica ciò è dovuta al rilascio degli ormoni della crescita durante il sonno.
Un aspetto importante che va ad incidere sul sonno è anche da considerarsi l’alimentazione, infatti sonno ed alimentazione sono strettamente collegati fra loro. Effettivamente un’alimentazione errata e malattie gastriche influiscono negativamente sul sonno.
Ne sono un esempio i neonati che per alimentarsi si svegliano più volte durante il sonno e se hanno delle coliche la situazione peggiora ulteriormente, anche perché pensando che il neonato pianga dalla fame si tende, involontariamente, ad iper alimentarlo.
I ricercatori che studiano il sonno hanno stilato, in linea di massima, una media giornaliera di sonno in base all’età:
fino a 12 mesi: 14-18 ore compresi giorno e notte,
da 1 a 5 anni: 12-14 ore distribuite nelle 24 ore,
da 6 a 10 anni: 10-12 ore al giorno,
da 11 a 18 anni: 8-10 ore al giorno.
Alcuni consigli di una buona alimentazione e quindi un buon sonno prevedono:
        ⁃       evitare il sale nelle minestrine,
        ⁃       somministrare il formaggio in quantità ridotte (5-10 gr) sempre per evitare grandi quantità di sale,
        ⁃       dare carne rossa non più di 1-2 volte a settimana: le proteine della carne in eccesso possono provocare sete ed impedire al bambino di dormire perché ha necessità di bere e di conseguenza quella di urinare,
        ⁃       non esagerare con le verdure passate nella pappa a cena perché possono provocare meteorismo e coliche addominali e quindi impedire il sonno normale.
Secondo diversi studi effettuati gli alimenti che favoriscono il sonno sono:
        ⁃       il triptofano, cioè l’aminoacido utile alla produzione della serotonina, l’ormone che favorisce la tranquillità e interviene sui meccanismi che regolano il tono dell’umore. È contenuto in buone quantità nel latte, nello yogurt, nel riso, nell’orzo, nei legumi, nelle mandorle e nei pinoli.
        ⁃       il potassio che è il sale minerale che assicura il benessere del cuore, favorisce la regolarità del battito, attua un effetto rilassante e che una sua eventuale carenza può, come conseguenza diretta, compromettere il riposo notturno. È contenuto in buone quantità nelle zucchine, nelle albicocche, nelle banane, nelle carote, nelle prugne, negli spinaci, nel pollo e nello yogurt. Ne sono ricche anche le patate che, oltre al potassio, contengono zuccheri che agevolano l’utilizzo del triptofano.
        ⁃       la vitamina B6 è una delle sostanze che più aiutano l’organismo a utilizzare il triptofano. Per questo motivo è consigliabile introdurre nella dieta del piccolo: latte, riso, orzo, patate, carni bianche e banane.
        ⁃       le erbe infine sono molto importanti per conciliare il sonno. Tra queste troviamo la camomilla, il biancospino, la melissa, la passiflora, il tiglio, la valeriana e la verbena. Considerate ‘erbe della buonanotte’, con cui preparare infusi e tisane da somministrare a bambini sopra l’anno di vita.
Invece gli alimenti e le abitudini da evitare visto che ostacolano un sonno corretto sono:
        ⁃       le proteine contenute nella carne e nel pesce possono avere un effetto eccitante, meglio quindi inserirle nei pasti del mezzogiorno; la sera meglio usare pasta, riso e cereali, con aggiunta di legumi.
        ⁃       caffè , tè, cioccolato, broccoli, broccoletti, cime di rapa e tutti i formaggi stagionati sono da evitare dopo le ore 17, perché contengono tiramina, una sostanza che può ostacolare il sonno e causare irrequietezza.
        ⁃       spegnere o evitare che siano a disposizione televisione, computer, tablet, telefoni cellulari nella stanza del bambino.
        ⁃       evitare esercizi fisici intensi almeno un’ora prima di coricarsi, perché innalzano la temperatura corporea.
        ⁃       mantenere costante la routine del sonno: l’orario della nanna è molto importante per i più piccoli.
Comunque il pediatra resta la persona più adatta alla quale ogni genitore deve rivolgersi per qualsiasi problema riguardante il bambino.

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password

    Cucina in Laminato di Quercia Sonoma

    375,00 € & Spedizione GRATUITA

    PREZZO IN PROMOZIONE CLICCA SULLA FOTO