MAGAZINE

Il meglio del Blog

Curare il tumore al seno senza dover fare la chemio.

Una nuova coperta nel scampo scientifico consentirà alle donne malate di tumore al seno curarsi senza dover fare la chemio, grazie al Abemaciclib, approvato e rimborsato dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) , disponibile anche in Italia per tutte le donne, in pre, peri e post-menopausa, con carcinoma mammario avanzato o metastatico positivo ai recettori ormonali (HR+), negativo al recettore del fattore umano di crescita epidermico di tipo 2 (Her2-).
L’approvazione italiana da parte dell’ Aifa avviene dopo quella europea e solo dopo la pubblicazione degli studi Monarch 2 e Monarc 3. Abemaciclib usato in associazione con un Nsai, ha dimostrato di ridurre il rischio di progressione della malattia o la morte del 46% nelle pazienti con carcinoma mammario avanzato nello studio Monarc 3, e ha determinato un incremento della sopravvivenza globale di 9,47 mesi (da 37.25 a a 46.72 mesi) nello studio Monarch 2. In più questo farmaco non allunga solo la vita alle pazienti ma ne migliora la qualità.
Adesso le donne affette da carcinoma mammario avanzato HR+, Her2- hanno un’opzione di trattamento che può consentire loro un allungamento di vita; quindi le 10mila nuove pazienti italiane che ogni anno lottano contro un carcinoma mammario in stadio avanzato possono avere una speranza in più

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password