MAGAZINE

Il meglio del Blog

Liquore al rosolio

Il rosolio è un tipo di liquore, o meglio una soluzione liquorosa, particolarmente diffusa nell’Italia rinascimentale, soprattutto alla corte di Caterina de’ Medici, che ne esportò l’utilizzo persino in Francia.
È molto diffuso soprattutto nel Sud Italia e in Piemonte. In particolare, in Sicilia sin dal Cinquecento veniva prodotto in casa e offerto agli ospiti in segno di buon augurio. In segui sono nate varie ricette di rosolio, tra cui quelle realizzate con agrumi, caffè, anice e menta.
Il rosolio è un liquore nato nel Cinquecento, che si prepara, secondo la ricetta classica, con petali di rose fresche.
La sua storia è piuttosto interessante. Inizialmente era preparato praticamente solo dalle suore: la ricetta originale a base di petali di rose è nata proprio nei conventi.
Pare che le suore avessero l’abitudine di preparare questo liquore per poi offrirlo alle persone particolarmente importanti che si recavano in visita presso di loro. In seguito, però, la ricetta si è diffusa oltre le mura del convento e in breve tempo il rosolio è diventato un digestivo molto amato soprattutto dalle signore grazie al suo sapore dolce e delicato, perfetto da gustare a fine pasto; con una gradazione alcolica non molto alta tra 25 e 35 %.
Nel corso del tempo, le tante donne che negli anni hanno realizzato in casa questo delicato liquore lo hanno anche personalizzato; per cui ne esistono tante varianti.
La ricetta del rosolio qui di seguito descritta oggi è fedele all’originale, per cui molto semplice e prevede solo pochi ingredienti: petali di rose fresche, alcol, acqua e zucchero.

INGREDIENTI
30 petali di rose freschi
450 cl di acqua
450 gr di zucchero
400 cl di alcool

Si inizia con il pestare i petali di rose in un mortaio insieme a circa metà dello zucchero, fino a diventare un unico composto.
Prendere un barattolo sterilizzato con chiusura ermetica, versare dentro il contenuto del mortaio ed aggiungere l’alcool.
Fare riposare il tutto per circa due settimane, in il luogo fresco e buio. Ricordandosi di agitare il barattolo di tanto in tanto.
Passate le due settimane prendere il barattolo e versare dentro il resto dello zucchero più l’acqua, agitare bene e far riposare altre due settimane in un luogo fresco e buio. Agitare di tanto in tanto.
Trascorso questo periodo filtrare minuziosamente il liquore contenuto nel barattolo e travasare in una bottiglia in vetro sterilizzata.
Far riposare per almeno altre quattro settimane; sempre in un luogo fresco e buio.
Si può utilizzare il miele al posto dello zucchero, e si vuole si può aromatizzare il liquore con un po’ di cannella, di vaniglia o di anice messi a macerare all’inizio insieme al composto di zucchero e petali.
È un ottimo digestivo e va servito molto freddo.

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password

    Cucina in Laminato di Quercia Sonoma

    375,00 € & Spedizione GRATUITA

    PREZZO IN PROMOZIONE CLICCA SULLA FOTO