MAGAZINE

Il meglio del Blog

Quando i bambini piccoli possono dire no.

dice sempre no

Gli adulti, in quanto tale, hanno sicuramente più esperienza di vita rispetto ai bambini, per cui hanno la tendenza di imporre le loro idee ( sicuri di volere solo il meglio per i loro piccoli ); pensando che sapere quel che sia meglio fare in certe situazioni possa bastare ad ignorare i desideri di figli e nipoti.
In realtà, in alcuni casi, dovremmo imparare ad ascoltare un po’ più attentamente e rispettare ciò che i bambini piccoli esprimono.
Perché, come noi adulti, anche loro hanno il diritto di far valere i propri sentimenti quando qualcosa non piace o si sentono minacciati.
Infatti ci sono delle circostanze in cui gli adulti devono considerare seriamente i no dei bambini piccoli.

“No, sono pieno”.
È fondamentale rispettate il “No” di un bambino quando si sente sazio, perché lo aiuta a imparare ad ascoltare e conoscere il proprio corpo.

“No, mi vesto da solo”.
Sin da piccolissimi i bambini imitano il comportamento di genitori, fratelli e sorelle, cercando di copiare tutto ciò che fanno gli adulti e il vestirsi è fra i comportamenti più copiati.
Per cui bisogna dare al bambino la possibilità di esprimersi e vestirsi da solo, aiutandolo solo quando ne ha davvero bisogno.

“No, non ho voglia di coccole in questo momento”.
Può capitare che in determinati momenti i bambini piccoli non vogliano coccole e bisogna, quindi, rispettare il loro desiderio è stato d’animo del momento; senza preoccuparsi più di tanto o sentirsi offesi.

“No, mangio da solo”.
Questa è una richiesta che va rispettata perché aiuta il bambino a diventare indipendente, anche se si sporca o fa danni.

“No, non mi va di provare”.
Ai nostri figli bisogna dare l’opportunità di provare sempre cose nuove, senza forzare però a fare cose che non vogliono.
Tanto arriverà il momento in cui ogni bambino vorrà provare quante più cose possibili senza troppi incoraggiamenti, rendendo il tutto più divertente.

“No, ho paura “
Dovremmo sempre prendere sul serio le paure dei più piccoli e indifesi, anche se non le capiamo o ci sembrano banali. Appena capiamo di cosa hanno paura, dovremmo parlarne apertamente con loro per far apparire le cose meno spaventose.

“No, basta fare il solletico”.
Giocate facendo la lotta e il solletico può essere divertente, ma bisogna capire quando fermarsi; sapere se vostro figlio sta ancora ridacchiando o se sta semplicemente opponendo resistenza.

Se i bambini piccoli cercano di fare le cose da soli o cercano di proteggersi da qualcosa, bisogna prendere sul serio quello che dicono e rispettare il loro NO.
È necessario, comunque riuscire a capire se il no viene detto per sfida o per un bisogno reale.

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password

    Cucina in Laminato di Quercia Sonoma

    375,00 € & Spedizione GRATUITA

    PREZZO IN PROMOZIONE CLICCA SULLA FOTO