MAGAZINE

Il meglio del Blog

Emozioni e dsa

Quando i bambini con disturbi dell’apprendimento accedono alla scuola primaria, lo scontro con i pari, spesso più veloci e competenti, potrebbe porre le basi per un futuro sviluppo delle difficoltà emotive. Molto spesso, quando la diagnosi tarda ad arrivare, il bambino tende ad essere etichettato come pigro, svogliato, poco volenteroso. Tali affermazioni, se perdurano nel tempo e non vengono trattate, potrebbero portare a disturbi d’ansia,espressione, fobia scolare, difficoltà di alimentazione o difficoltà di sonno, problemi comportamentali, oppositività e difficoltà relazionali.

Inoltre, il bambino potrebbe essere portato alla perdita d’interesse verso l’apprendimento di tutte le materie scolastiche nonché la perdita della fiducia in sé stesso e verso le sue capacità. Tale sfiducia tenderà a protrarsi anche nell’ambito familiare e amicale generando una specie di circolo vizioso dell’insuccesso.

Se a tutto questo quadro vi inseriamo una situazione familiare precaria, fatta di violenza e manifestazioni di eccessiva rabbia, il bambino si trova solo e disorientato rischiando in futuro di incorrere persino in cattive condotte autolesive etero e auto dirette.

Molto importante risulta quindi un intervento precoce, non solo nell’elaborazione di una certificazione ad hoc ma anche un supporto psicologico mirato al potenziamento dell’autostima e all’analisi del vissuto della situazione familiare. Di notevole efficacia risulterà un lavoro mirato al rinforzo dei successi (piccoli o grandi che siano) in modo da portare il bambino a spostare il focus su cose positive mettendo sempre più da parte gli insuccessi.

Inoltre, una presa in carico familiare, aiuterà i genitori ad apprendere meglio tutto ciò che concerne la certificazione e le problematiche emotive ad essa connesse.

Scritto da: Dott.ssa Conversano Chiara mail: conversanochiarapsy@gmail.com

Forgot Password

Cucina in Laminato di Quercia Sonoma

375,00 € & Spedizione GRATUITA

PREZZO IN PROMOZIONE CLICCA SULLA FOTO