MAGAZINE

Il meglio del Blog

Coloranti alimentare fai da te.

I coloranti alimentari sono dei composti chimici, di natura organica o inorganica, molto utilizzati in cucina, soprattutto nel settore della pasticceria, per modificare il colore di un alimento; in base a questa loro caratteristica, i coloranti alimentari sono classificati come additivi alimentari.

Generalmente si modificano i colori originali degli alimenti per un fattore estetico, in seguito a ciò ci siamo abituati ad associare colori e sapori, al punto tale che se mangiamo una torta con una crema rosa scuro, siamo quasi certi di sentire il sapore della fragola.

Qui si seguito verranno elencati dei suggerimenti di come fare in casa i coloranti alimentari, evitando di acquistare e soprattutto di mangiare prodotti chimici e sintetici.

Effettivamente il colore di ciò che si mangia influenza parecchio il sapore, e non solo per l’abbinamento colore-sapore, ma che perché si è ormai abituati a mangiare con gli occhi prima che con la bocca.
Le prime sensazioni di gusto vengono percepite proprio dalla vista, ed è proprio vero che come si suol dire l’occhio vuole la sua parte.
Per cui i coloranti alimentari hanno lo scopo di modificare il colore degli alimenti, per poterli rendere attraenti ed appetibili. Così  una torta di panna montata o di pasta di zucchero che colorata è molto più invitante di una monocolore.

I coloranti alimentari, sono facilmente reperibili in vari negozi specializzati, ma anche se completamente edibili, restano comunque delle sostanze quasi sempre chimiche, si possono essere: liquidi, a gel, in pasta o in polvere.

In realtà bisogna sapere però che esiste la possibilità di sfruttare i colori della natura per rendere più appetibili gli alimenti, per tanto si può prendere in considerazione di fare in casa i coloranti alimentari in modo sano e naturale.

Quindi, anche se acquistabili in vari negozi, è possibile sfruttare ingredienti del tutto naturali per preparare in casa i coloranti alimentari; grazie ad alcuni alimenti o delle spezie che sono naturalmente ricche di pigmenti colorati persistenti che possono essere utilizzati per migliorare il colore di alcuni preparati.
Ecco, quindi, alcuni esempi di seguito riportati.

Per ottenere il giallo si può utilizzare spezie come il curcuma o lo zafferano.

Per ottenere il verde fare bollire della lattuga o degli spinaci e filtrate l’acqua da eventuali residui di verdura.

Per il blu fare bollire i mirtilli.

Per il fucsia le rape rosse.

Per l’arancione le carote.

Per il rosso si può utilizzare della purea di fragole.

Per il nero basta acquistare il carbone alimentare in farmacia.

Per il viola le more.

Per il marrone il cacao o il caffè solubile.

Per quanto riguarda l’intensità del colore, considerate che aggiungendo una maggiore quantità dell’ingrediente che determina il colore, questo diventerà più carico, quindi vi conviene aggiungerne poco alla volta fino ad ottenere l’intensità desiderata.

Forgot Password

Cucina in Laminato di Quercia Sonoma

375,00 € & Spedizione GRATUITA

PREZZO IN PROMOZIONE CLICCA SULLA FOTO