Pubblicità

MAGAZINE

Il meglio del Blog

Pasta al dente e pane tostato utili anche se si vuole perdere peso.

pasta

pasta per perdere peso

Gli alimenti contenenti carboidrati e zuccheri sono considerati i nemici di chi vuole perdere peso, però c’è da sapere che questi sono essenziali per il benessere ù

psico-fisico del nostro organismo.
Basti pensare che il cervello trae la sua energia dal glucosio e se non si introducono per più giorni alimenti contenenti carboidrati, l’ipotalamo attiva l’ormone ACTH,

che stimola il surrene a generare il cortisolo, considerato “ormone dello stress”. pasta per perdere peso

Però un’alta dose di carboidrati causa l’innalzamento della glicemia e della secrezione di insulina: le due maggiori responsabili dell’accumulo di peso corporeo.
Ma per tenere sotto controllo i valori della glicemia nel sangue si possono seguire dei semplici accorgimenti: uno riguarda la pasta: mangiare

pasta cotta al dente, raffreddata in frigorifero e riscaldata poi in padella ha un indice glicemico più basso rispetto alla pasta cotta troppo a lungo o ancora calda.

E fra i formati di pasta quello consigliato sono gli spaghetti, prima perché in cottura diventa più pesante di quella corta e poi perché hanno meno

zuccheri rispetto alla pasta corta, per via di un processo di gelatinizzazione dell’amido.

Meglio poi conditi o con proteine che aumentano il senso di sazietà o verdure, che grazie le fibre da loro contenute, aiutano a mantenere sotto controllo il picco glicemico.
Bisogna considerare anche che gli alimenti consumati a basse temperature hanno un indice glicemico più basso degli stessi alimenti consumati

appena cotti; ad esempio la pasta appena cotta ha un indice glicemico più alto dell’insalata di pasta.
Invece per quanto riguarda il pane l’ideale è consumarlo tostato, anzi andrebbe prima congelato e prima di consumarlo farlo scongelare a

temperatura ambiente e poi tostare; effettivamente più l’umidità contenuta nel pane si sposta all’esterno e più si abbassa l’indice glicemico.
In più secondo Ciro Vestita, nutrizionista e fitoterapeuta dell’Università di Pisa, la cannella è capace di contrastare gli effetti dell’eccesso di zucchero,

quindi assumendo una tisana a base di cannella, una tazza la mattina e una il pomeriggio, ottenuta facendo bollire per 10 o 20 secondi 10 grammi di cannella e

5 chiodi di garofano in una tazza di latte, la glicemia si abbassa notevolmente risultando essere anche una bevanda molto gradevole.

Ti potrebbe interessare:

La ricerca della felicità.

Curare i capelli

Caduta dei capelli.

Forgot Password