MAGAZINE

Il meglio del Blog

Aumenti in busta paga luglio 2020,grazie al bonus cuneo fiscale e al bonus 100 euro.

La busta paga di giugno e luglio 2020 sarà più ricca grazie a due importanti novità, una riguarda il premio di 100 euro introdotto dal Dl Cura Italia per il mese di marzo e che potrebbe essere ricevuto da alcuni adesso con lo stipendio di giugno e poi il bonus cuneo fiscale che parte ufficialmente dal 1° luglio.
Dal 1° luglio parte il taglio del cuneo fiscale sugli stipendi di lavoratori e lavoratrici dipendenti, proprio come previsto dalla Legge di Bilancio 2020 e dal decreto 3/2020 “Misure urgenti per la riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente” pubblicato in Gazzetta Ufficiale e ormai diventato legge, che consentirà un aumento della busta paga in base al reddito.
Inoltre, secondo quanto stabilito dal primo decreto economico, che aveva introdotto per il solo mese di marzo 2020 un premio di 100 euro per tutti i lavoratori che nel primo mese di lockdown avevano continuato a lavorare nonostante l’emergenza epidemiologica da Coronavirus; sarà corrisposto in questo periodo.Bonus cuneo fiscale dal 1° luglio in busta paga.In base a quanto previsto dalle nuove normative, il Bonus 80 euro di cui si è potuto usufruire durante questi anni cambierà.
Bisogna sapere che dal 1° luglio 2020 scatta la riduzione del cuneo fiscale che porterà un aumento in busta paga.Precisamente, il bonus Renzi di 80 euro non ci sarà più perché si trasformerà nel bonus IRPEF in busta paga da 100 euro per chi ha un determinato reddito.

  • bonus Irpef 100 euro netti mensili per chi ha un reddito annuo fino a 26.600 euro lordi. 
  • bonus Irpef di 100 euro per redditi da 26.601 euro a 28mila: finora esclusi dal bonus Irpef, e da luglio 2020, invece, beneficerà per la prima volta di un incremento di 100 euro al mese in busta paga. 

Bonus cuneo fiscale sotto forma di detrazione fiscale.Per quanto riguarda i redditi tra 28.001 euro e fino a 40.000 euro il bonus derivante dal taglio al cuneo fiscale non sarà accreditato in busta paga ma sarà riconosciuto sotto forma di detrazione fiscale.

  • Bonus Irpef di 80 euro al mese per i redditi da 28.001 euro, e fino al limite di 35.000 euro
  • bonus Irpef da 80 euro a 0 per chi ha redditi da 35.001 euro, e fino al limite di 40.000 euro, il bonus cuneo fiscale sarà riconosciuto direttamente in busta paga, per un importo compresa tra 80 euro e 0 euro (si segue il meccanismo di decalage).

Bonus cuneo fiscale calcolo.
Il calcolo del bonus cuneo fiscale per i redditi oltre i 28.000 euro avviene nel seguente modo:il bonus decresce al crescere del reddito, fino ad arrivare ad azzerarsi per redditi lordi annui pari a 40.000 euro, e viene erogato tramite una detrazione; quindi:

  • per i redditi compresi tra 28.001 e 35.000 euro il bonus è calcolato con la seguente formula di calcolo: 480 + 120 x (35.000 – reddito lordo annuo) / 7.000. 
  • Per i redditi compresi tra 35.001 e 40.000 euro, invece, la formula di calcolo è la seguente: 480 x (40.000 – reddito lordo annuo) / 5.000.

L’importo del bonus cuneo fiscale dipende dal numero dei giorni di lavoro ed è riconosciuto dal datore di lavoro sulla base del reddito annuale.Però, bisogna sapere anche, che se si percepiscono altri redditi, oltre a quello da lavoratore dipendente (per esempio una seconda occupazione, un reddito da locazione…), il bonus potrebbe essere soggetto a restituzione in seguito al conguaglio in sede di dichiarazione dei redditi. 

Bonus 100 euro in busta paga: a chi spetta il premio e quando.Inoltre, un aumento della busta paga di giugno o luglio 2020, avverrà con il bonus 100 euro in busta paga, in seguito al decreto Cura Italia ma non prorogato per ulteriori mesi -aprile e maggio – con il decreto Rilancio.
Quindi i beneficiari del premio 100 euro per il mese di marzo potrebbero riceverlo adesso con lo stipendio di giugno o con quello di luglio.
Secondo il decreto Cura Italia, il premio 100 euro in busta paga spetta a:

  • ai titolari di redditi di lavoro dipendente di cui all’art. 49, co. 1, del Dpr. n. 917/1986 (Tuir). Per lavoro dipendente si intendono i redditi “che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri, compreso il lavoro a domicilio quando è considerato lavoro dipendente secondo le norme della legislazione sul lavoro”.
  • nei 40mila euro lordi di reddito massimo previsti per il diritto al bonus 100 euro, è compreso solo «il reddito di lavoro dipendente assoggettato a tassazione progressiva IRPEF e non anche quello assoggettato a tassazione separata o ad imposta sostitutiva». Per cui ll’eventuale premio di risultato (al quale si applica l’imposta sostitutiva) non rileva ai fini del tetto di reddito.
  • Il bonus 100 euro spetta ai dipendenti che hanno continuato a lavorare nel mese di marzo.
  • L’importo massimo di 100 euro del bonus va rapportato al numero di giorni di effettivo lavoro, effettuati nel mese di marzo nella propria sede di lavoro, in quanto impossibilitati ad applicare lo smart working. 
  • Requisiti bonus 100 euro in busta paga: il decreto-legge non prevede particolari requisiti per avere diritto al bonus 100 euro. Unico requisito riguarda il limite di reddito complessivo da lavoro dipendente dell’anno precedente, in cui deve rientrare il lavoratore e cioé: avere un reddito inferiore a 40.000 euro.

Forgot Password

Cucina in Laminato di Quercia Sonoma

375,00 € & Spedizione GRATUITA

PREZZO IN PROMOZIONE CLICCA SULLA FOTO