MAGAZINE

Il meglio del Blog

Approvate le linee guida per far tornare a scuola i bambini dai 0-6 anni.

Sono state finalmente approvate le linee guida sul rientro a scuola per i bambini da 0 a sei anni, diffuse lo scorso 31 luglio dal ministero dell’Istruzione.
A settembre, quindi, anche i più piccoli potranno tornare tra banchi e giochi, naturalmente rispettando le regole per prevenire eventuali contagi.
Il Documento di indirizzo e orientamento per la ripresa delle attività in presenza dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia per gli alunni da zero a sei anni ha ottenuto l’approvazione in Conferenza Unificata.

Precisamente, i bambini dei nidi e scuole dell’infanzia torneranno in classe senza mascherina, a differenza di tutto il personale che sarà invece obbligato a indossare i dispositivi di protezione individuali.
In particolare potranno essere utilizzate visiere per facilitare l’interazione con i bambini, oltre alla mascherina e potrà essere inoltre previsto anche l’uso dei guanti in determinate situazioni.

I bambini saranno accolti preferibilmente in spazi all’aperto, con diversi punti di ingresso e uscita e potranno essere accompagnati da un solo genitore.
Inoltre le scuole potranno tenere un registro delle presenze, per tenere traccia di chi ha accesso alla struttura.
La temperatura corporea non verrà misurata all’ingresso.
Ma, ovviamente, i bambini che presentano sintomi respiratori, febbre superiore ai 37,5°C o che nelle ultime due settimane siano stati in quarantena, in isolamento domiciliare o a contatto con persone positive, non potranno seguire le lezioni.

Durante le lezioni e le attività in aula il distanziamento sarà garantito, per cui si riorganizzeranno gli arredi e si sfrutteranno tutti gli spazi disponibili, anche all’aperto se possibile.
Per limitare il più possibile le possibilità di contagio, i piccoli saranno suddivisi in gruppi stabili gestiti da educatori, docenti e collaboratori e ogni gruppo avrà a disposizione il proprio materiale didattico e ludico da utilizzare in modo esclusivo.

Inoltre, saranno previste nuove assunzioni per gestire al meglio i gruppi e garantire un maggiore controllo sui bambini; e ci sarà anche una maggiore attenzione all’igiene personale dei piccoli, integrandola alle attività educative quotidiane.

I pasti e il riposo pomeridiano saranno garantiti, però sempre nel rispetto del distanziamento, rimanendo quindi con il proprio gruppo ed evitando affollamento degli spazi.
Per tanto, se l’ampiezza dei locali non consente l’accesso contemporaneo a tutti i bambini, saranno organizzati turni oppure si consumeranno i pasti in altri spazi dell’edificio.
Invece, se la scuola non la fornisce, si potrà portare la merenda da casa scrivendo il nome del bambino sul contenitore.
Dovrà poi essere garantita la massima pulizia dei locali, degli arredi e della biancheria, nonché l’aerazione degli spazi.

Il Documento approvato è il risultato della collaborazione tra il Ministero dell’Istruzione e altre realtà coinvolte, tra cui le Regioni.

La ministra Azzolina dice che si è aggiunto un altro tassello importante in vista della ripresa di settembre.
Che stanno lavorando ogni giorno, senza sosta, per riportare tutti a scuola, dai più piccoli ai più grandi.
In più dice anche che già con il documento del 26 giugno, il Piano per la ripartenza di settembre, avevano dato indicazioni per la scuola dell’infanzia, con il Documento approvato ora si  allarga ai più piccoli.
Siccome le bambine e i bambini sono quelli che più hanno sofferto il periodo di chiusura, a tutti loro si stanno riservando particolare attenzione per la ripresa, pensando anche all’organico in più che verrà garantito proprio per far sì che il loro sia un rientro sereno e in sicurezza.

Nonostante tutto lo sforzo, purtroppo sono ancora tanti i punti da chiarire, in particolare per quanto riguarda le nuove iscrizioni.

Forgot Password

Cucina in Laminato di Quercia Sonoma

375,00 € & Spedizione GRATUITA

PREZZO IN PROMOZIONE CLICCA SULLA FOTO