Pubblicità

MAGAZINE

Il meglio del Blog

Quante sono diffuse le polizze incendio e catastrofi naturali.

polizze incendio

Uno studio dell’ANIA di è occupato di analizzare la diffusione delle polizze incendio e catastrofi naturali sul mercato italiano.

Bisogna sapere che la percentuale di abitazioni coperte da un’assicurazione è ancora bassa e con notevoli differenze a livello regionale tra nord e sud Italia.

E mediante l’indagine ANIA sulla diffusione delle polizze incendio e catastrofi naturali è stato fatto il punto sull’adozione di queste polizze sul territorio italiano.

Secondo i dati raccolti fino al 30 giugno 2022 si è potuto constatare non solo una crescente sensibilità degli italiani sul tema, ma pure dei ritardi nell’adozione di questo genere di copertura.

In base a quanto afferma l’ANIA, a causa dell’aumento della frequenza di eventi meteo estremi, come alluvioni, allagamenti e siccità, generati dal cambiamento climatico, è fondamentale

proteggere la propria casa con una polizza apposita.

Il numero delle abitazioni coperte da polizza assicurativa.

La diffusione delle polizze incendio rispetto a quella delle catastrofi naturali è ancora più limitata.

Anche se i numeri siano lievemente in crescita rispetto agli anni passati, il numero di abitazioni coperte è ancora molto basso.

Con precisione, per quanto riguarda le polizze incendiole case protette sono circa la metà del totale.

Inoltre fra queste, in un caso su cinque, la polizza è stata sottoscritta poiché resa obbligatoria dal contratto di mutuo.

Mentre il numero delle abitazioni protette dal rischio di alluvioni e terremoti è molto basso, infatti equivale al 5% del totale.

E se pur l’ANIA stimi che il 75% delle abitazioni sia esposto a un rischio considerevole, è ancora molto limitata l’adozione di una copertura assicurativa idonea, nonostante il numero delle

polizze sottoscritte stia aumentando in modo rapido.

Infatti, secondo report dell’ANIA si evince, che solo fino a circa 15 anni fa il numero delle polizze attive era vicino allo zero.

Per l’ANIA ha favorito l’adozione delle polizze assicurative incendio e calamità naturali, anche l’introduzione di benefici fiscali per chi sottoscrive una polizza di questo genere.

Effettivamente è possibile detrarre fiscalmente il 19% dell’importo del premio.

Al 31 marzo 2022 le polizze incendio attive erano 11,9 milioni, un numero superiore rispetto a quelle attive nel 2020, ma inferiore rispetto al 2021.

Le polizze con estensione per catastrofi naturali erano invece 1,4 milioni e un po’ meno della metà dei casi è stato scelto di sottoscrivere una polizza multirischio, mentre

circa il 40% delle polizze è di tipo monorischio con copertura per l’incendio. Il 9,9% riguarda una polizza di tipo globale fabbricati e hanno percentuali marginali le polizze

riguardanti la copertura per terremoto, alluvione o terremoto e alluvione.

Quali sono le regioni con la copertura assicurativa è più diffusa.

L’ANIA ha analizzato pure la distribuzione delle polizze assicurative in base nelle diverse zone d’Italia.

Innanzitutto si è stimato che il numero delle polizze incendio attive equivale a 16,2 milioni circa di unità abitative coperte da assicurazione.

Le regioni in cui la diffusione delle polizze assicurative per incendio è maggiore sono: la Lombardia, il Piemonte, l’Emilia Romagna e il Veneto. Invece la copertura assicurativa

per incendio è molto meno frequente al sud, dove si ha una copertura media del 4% e addirittura dell’1% in Molise e Basilicata.

Una simile distribuzione si può osservare se si va a considerare le polizze con estensione catastrofi naturali.

La regione situata al primo posto in classifica, con circa un quarto del totale delle case che hanno una copertura assicurativa, è la Lombardia, poi Emilia Romagna, Toscana e Veneto.

Molto più distanti le regioni del sud Italia, con sei regioni che non superano l’1% delle case coperte da una polizza con estensione per rischio terremoto o alluvione.

Bisogna sapere che le polizze assicurative incendio e catastrofi naturali sono mediamente piuttosto economiche.

Secondo le stime eseguite dall’ANIA il premio medio per la sola polizza incendio è di 167 euro all’anno, invece il premio medio dell’estensione per catastrofi naturali è di 142 euro circa all’anno.

Ti potrebbe interessare:

Le nuove modifiche della delega fiscale, tasse del mese di novembre a rate e basta superbollo auto.

Carta risparmio spesa 2023 da luglio: gli aventi diritto la ricevono senza presentare la domanda.

Assicurazione sulla vita: cos’è e come funziona.

Forgot Password