Pubblicità

MAGAZINE

Il meglio del Blog

Giuggiole sotto spirito: la ricetta.

Giuggiole sotto spirito

Grazie a questa ricetta sarà possibile preparare sia le giuggiole sotto spirito che un buonissimo digestivo da poter servire a fine pasto in ogni occasione.

Si tratta di una ricetta di facile esecuzione e con pochi ingredienti; semplici passaggi per poter raggiungere un delizioso risultato.

Le giuggiole sono un frutto molto antico ma che sfortunatamente sta scomparendo, poiché è quasi impossibile trovarle nel reparto frutta e verdura dei supermercati ed anche dai fruttivendoli è diventato difficile riuscire a comprarle.

La pianta delle giuggiole è rustica e resistente al freddo, con frutti che maturano fra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno.

Quando sono acerbi si presentano di colore verde, però man mano che maturano diventano di colore marrone, simile al cioccolato e sono molto buoni da mangiare.

Quando le giuggiole hanno raggiunto la piena maturazione sono dure e “croccanti” e con un sapore che ricorda quello delle mele.

Possiedono diverse proprietà che danno diversi effetti benefici per la salute, infatti sono ricche di acido ascorbico; effettivamente alcuni studi hanno evidenziato che 10/12 giuggiole contengono tanta vitamina C quanta ne è contenuta in due arance.

Ingredienti

  • Giuggiole 500 gr
  • Alcool a 95° 500 ml ( oppure una grappa di ottima qualità)
  • Zucchero semolato 250 gr
  • 1 Baccello di vaniglia
  • 1 Limone biologico

Procedimento

Scegliere le giuggiole perfettamente mature e di bell’aspetto.

Lavarle accuratamente e delicatamente e far asciugare.

Lavare per bene un limone non trattato, asciugarlo e prelevare la buccia a listarelle sottili, avendo cura di non prendere anche la parte bianca.

In un barattolo di vetro ( con chiusura ermetica, precedentemente sterilizzato e della capacità di 1 kg ), mettere le giuggiole, lo zucchero, le scorze di limone, la vaniglia e una parte di alcool.

Chiudere ermeticamente il barattolo e poi metterlo in un luogo soleggiato per almeno 20 giorni. Ricordarsi di agitare il vaso di tanto in tanto.

Trascorso tale periodo di tempo, aprire il barattolo, aggiungere il rimanente alcool e tappare di nuovo.

A questo punto riporre il barattolo in un luogo fresco e aspettare almeno 6 mesi per poter consumare sia le giuggiole sotto spirito che o il liquore di giuggiole che è un ottimo digestivo.

Ti potrebbe interessare:

Sciroppo di giuggiole

Brodo di giuggiole: modo di dire e come fare il liquore (ricetta).

Dolcetti velocissimi, al cocco e marmellata di lamponi.

Forgot Password