Pubblicità

MAGAZINE

Il meglio del Blog

Cosa mangiare per liberarsi dalla voglia di dolce.

voglia di dolce

Ad ognuno di noi sarà capitato, almeno una volta, di dover fare a meno di consumare dello zucchero per un determinato periodo di tempo e sicuramente si è potuto constatare quanto

può essere difficile la cosa.
Non solo torte, biscotti e altri dolci vari sono ricchi di zuccheri, ma anche alimenti come il pane, lo yogurt o la salsa di pomodoro.
Però una volta che si riesce nell’intento di eliminare lo zucchero bianco, i risultati sono impagabili; infatti non solo si perde qualche chilo in eccesso, ma si acquista più energia, si corre un rischio

minore di contrarre il diabete, si ottiene una qualità di riposo migliore e la scomparsa di altri problemi come gonfiore o stipsi.
Nel caso in cui si voglia cercare di seguire una dieta senza zuccheri, è importante sapere che alcuni alimenti possono contribuire a liberarsi delle voglie dolci.

Grassi buoni.
I nutrizionisti ritengono che i grassi, quando si fa una transizione a una dieta a basso contenuto di zuccheri, sono molto utili.
Il corpo, nel caso in cui deve bruciare energia, ricorre agli zuccheri e quando si elimina lo zucchero invece ricorre al grasso.
Così facendo il corpo diventa una macchina brucia grassi molto efficiente e si abitua a bruciare i grassi quando ha bisogno di energia.
I grassi migliori da poter consumare sono contenuti nell’avocado (ricco anche di proteine), nel burro non trattato, nell’olio extra vergine di oliva e in tutti i cibi ricchi di omega 3 tipo noci, pesci grassi, semi e verdure a foglia verde.
Inoltre il consumo di olio di cocco, ricco di grassi saturi buoni, è raccomandato dall’American Heart Association, che ne consiglia di consumarne 20 grammi al giorno.

Cibi aspri.
Quando si ha voglia di dolce, la cosa migliore è mangiare qualcosa di aspro. Crauti, kimchi e altri cibi fermentati  possono essere aggiunti a insalate con del limone a fette.
Questi alimenti riescono a rallentare la digestione, evitare i picchi di glicemia e migliorare l’assorbimento dei nutrienti.



Fibre.
In vendita sono presenti moltissimi cibi arricchiti di fibre, che vengono aggiunte durante il processo di produzione, ma se si vuole mitigare la voglia di dolce, bisogna scegliere di mangiare noci, semi di lino, bacche e carote.
Infatti le fibre contenute in questi alimenti, sono in grado di rallentare il processo digestivo, riuscendo a stabilizzare i livelli di zuccheri nel sangue e diminuendo il rischio di contrarre il diabete.
Inoltre bisogna tenere presente che i pasti ad alto contenuto di fibre, saziano a lungo, per cui tolgono anche l’abitudine di mangiare qualche snack tra un pasto e l’altro.

Proteine.
Rimpiazzare lo zucchero con le proteine è il modo migliore per stabilizzare i livelli di glicemia.
Quindi un pasto proteico non solo rallenta l’assorbimento dello zucchero, ma evita che si presentino picchi in discesa e in salita, facendo diminuire in contemporanea la voglia di mangiare dolci.
Le proteine che bisogna consumare sono quelle contenute in lenticchie, carne di pollo, fagioli neri, salmone, uova e latticini grassi come yogurt o kefir.

Probiotici.
Molti probiotici contrastano la candida, un fungo che si nutre di zuccheri e capace di causare diverse malattie come la psoriasi, annebbiamento del cervello, aumento di peso e infezioni vaginali.
Quindi se vengono eliminati gli zuccheri, viene eliminata anche la fonte di cibo primaria di questo fungo e, se vengono consumati cibi probiotici, si riescono ad ottenere risultati anche migliori.
Infatti nell’intestino si riprodurranno i batteri buoni e si terranno alla larga quelli cattivi; si otterrà quindi, una pelle più sana, un sistema immunitario più forte e un intestino più pulito.
I cibi giusti sono il kefir, l’aceto di sidro di mele, lo yogurt greco (meglio se in versione organica) e il kombucha, tutti prodotti facilmente reperibili in commercio.


Erbe e spezie.
Utilizzare erbe aromatiche e spezie aiuterà il corpo a liberarsi della dipendenza da zucchero
Lo zenzero è un antinfiammatorio naturale in grado di migliorare la sensibilità insulinica e di proteggere contro il diabete. Può essere aggiunto ad uno smoothie o in un tè con limone e miele.
Anche la curcuma è un’altra spezia molto efficace capace di tenere a bada il colesterolo.

Ti potrebbe interessare:

Morbo di Parkinson e il collegamento con la trielina.

Come poter rassodare la pelle utilizzando metodi naturali fai da te.

I cani riconoscono le persone affette da cancro ancora prima della diagnosi.

Forgot Password