Pubblicità

MAGAZINE

Il meglio del Blog

Come prendersi cura di un albero di Natale vero.

albero di natale vero

L’albero di Natale è certamente un simbolo di gioia e festività, utilizzato durante il periodo natalizio.
Può essere sia vero che artificiale e quale fra i due scegliere, dipende dai gusti soggettivi e dal tempo e la cura che si intende dedicare all’albero.
L’abete artificiale, ovviamente, non richiede cure ed è riutilizzabile, però quello vero essendo una pianta, ha bisogno di cure ed attenzioni.

Se si decide di prendere un abete vero, è necessario mantenere l’albero di Natale vero, sano e rigoglioso pure una volta finite le feste, quindi bisogna sapere come gestirlo e dove

ripiantarlo una volta passate le festività.
Scegliere l’albero di Natale vivente significa fare una scelta più ecologica e più significativa rispetto ad una decorazione artificiale.
Infatti si contribuisce a diminuire il volume di rifiuti plastici e si aiuta a curare l’ambiente.

Innanzitutto bisogna acquistare l’albero e di conseguenza capire quale scegliere.
Ci sono più conifere come l’Abies nordmanniana, caratterizzato da una forma regolare e le foglie lucide e morbide. Oppure l’abete rosso, con la forma conica, gli aghi verde scuro

e il caratteristico profumo di Natale.
Poi c’è l’abete balsamo, con la forma compatta e le foglie lucenti, in grado di trattenere l’umidità e rimanere bello a lungo. Per finire si può scegliere la Picea glauca conica un albero

dalla forma conica e puntuta ideale per decorare spazi piccoli.

Esistono diversi accorgimenti da dover rispettare per poter avere un albero di Natale vero in forma sia durante le feste che dopo.
Per incominciare se e’ stato acquistato troppo presto, per conservarlo fino alla Befana, occorre lasciarlo all‘esterno in un ambiente fresco ma al riparo da correnti d’aria.
In seguito, una volta portato in casa, andrà posizionato in un ambiente luminoso, lontano da termosifoni o stufe.
Però, nel caso in cui ci sia il riscaldamento a pavimento, bisogna sollevare il vaso in modo tale da non tenerlo a stretto contatto con il calore.
Solitamente le conifere in generale, prediligono un terreno sempre umido, per tanto è importante irrigarle ogni 1 o 2 giorni. Per far sì che gli aghi non cadano, è fondamentale

nebulizzare di tanto in tanto l’acqua sui rami.
Quando lo si addobba, non si deve sovraccaricarlo per evitare di danneggiare i rami, mentre per quanto riguarda le luci si deve optare sempre per le luci al led, che rispetto alle

tradizionali non scaldano.
Una volta finite le feste, l’albero andrà trapiantato in giardino o in balcone, in base delle dimensioni dell’albero scelto.
Andrà posizionato all’ombra e bisogna ricordarsi sempre di annaffiarlo e concimarlo.

Ti potrebbe interessare:

Perché baciarsi sotto il vischio porta fortuna.

Il significato dell’agrifoglio, la pianta simbolo del Natale.

A che velocità Babbo Natale corre con la slitta?

Forgot Password