Home » Dislessia: consigli pratici

Dislessia: consigli pratici

by Eleonora
0 commento 7 Minuti Leggi

consigli per bambini dislessici

Spesso la dislessia è considerata una malattia o un blocco psicologico, in altre parole un deficit relativo all’area dell’intelligenza. consigli per bambini dislessici

Questi bambini sono spesso oggetti di commenti poco favorevoli o vengono classificati come pigri cosa che influisce negativamente sull’autostima e la motivazione allo studio.

Buona prassi sarebbe cominciare a catalogare tale difficoltà come un disturbo circoscritto all’area degli apprendimenti, maturando la consapevolezza che

questi bambini non sono pigri bensì molto interessati e motivati allo studio e hanno bisogno di alcuni strumenti che fungano da supporto al loro metodo di studio.

Inoltre, credere in sé stessi aiuta ad avere successo e ad affrontare positivamente le molteplici difficoltà riscontrate durante il percorso scolastico.

È sconsigliata quindi la lettura ad alta voce, soprattutto all’interno della propria classe poiché, la paura del giudizio e le difficoltà di lettura potrebbero

creare un forte imbarazzo che inciderebbe negativamente sulla prestazione. consigli per bambini dislessici

È altresì sconsigliato l’uso esclusivo di verifiche scritte poiché i dislessici trovano più faticoso l’uso della scrittura privilegiando invece le interrogazioni

orali alle quali ottengono migliori risultati.

È molto importante dare ai bimbi dislessici la possibilità di avvalersi di un metodo di studio che progetti le lezioni usando i sensi, visivi,

uditivi e tattili.

In particolare, l’uso di supporti visivi aiuta i bambini dislessici a memorizzare con più facilità le parole chiave, gli schemi e le mappe

concettuali che si riveleranno molto utili per conservare, organizzare e recuperare le nuove informazioni.

Facilitare la lettura tramite libri digitali e audiolibri è un mezzo che rende meno problematico l’esercizio della lettura considerata molto

spesso un momento di vera e propria tortura. I dislessici hanno bisogno di più tempo per leggere ma anche per comprendere

un problema e prendere una decisione.

Di grande aiuto sarebbe  stabilire delle interrogazioni programmate che diano modo al bambino di prepararsi adeguatamente soprattutto sul piano emotivo

Scritto da: Dott.ssa Conversano Chiara mail: conversanochiarapsy@gmail.com

Blog Dott.ssa Conversano Chiara: www.chiara-mente.com

Ti potrebbe interessare:

Stress da videochiamata

Conflittualità genitoriale: effetti sui bambini

Emozioni e dsa

Anziché, Nonostante, oltretutto, Per esempio
Cioè
In altre parole
In particolare
Ad esempio
Anziché, Nonostante, oltretutto, Per esempio
Cioè
In altre parole
In particolare
Ad esempio

You may also like

Nel blog si parlerà un po’ di tutto quello che può interessare alle famiglie, bambini, salute, curiosità, benessere, informazione e ricette.

Scelti da noi

Articoli Recenti

ealcubo.org Right Reserved.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?
-
00:00
00:00
Update Required Flash plugin
-
00:00
00:00