Pubblicità

MAGAZINE

Il meglio del Blog

Omogeneizzati fatti in casa, salutari e convenienti

omogeneizzato fatti in casa

Omogeneizzato fatto in casa

La  nascita di un bambino, oltre a portare tanta gioia e felicità, porta con se anche tanta preoccupazione che riguarda il suo

benessere psicologico, fisico ed alimentare.
Infatti dopo la prima fase dell’allattamento dei primi mesi, iniziano tanti piccoli dubbi nella scelta dei prodotti alimentari più giusti e

salutari  che possano garantire lo svezzamento migliore.

Così si inizia ad avere a che fare con gli omogeneizzati, prodotti che affiancano il bambino dai 6 mesi fino ad oltre il primo anno di età.
Oggi giorno, per una questione di comodità, di tempo, di esperienza nel prepararli personalmente e per abitudine

collettiva, vengono acquistati già belli e pronti.


Sicuramente, è inutile dirlo, gli omogeneizzati fatti in casa, sono di gran lunga migliori di quelli che si trovano in commercio;

sia per quanto riguarda salute e il benessere del bambino ma anche per il rispetto dell’ambiente e un altro fattore degno di nota è

sicuramente il gran risparmio economico che si può trarre preparandoli in casa.

Gli omogeneizzati industriali, se pur molto sicuri dal punto di vista igienico, sono ricchi di conservanti che certamente non sono utili alla salute del bambino .

Per tanto per poter usufruire di tutti i benefici degli omogeneizzati fatti in casa, bisogna oltre a pensare al gusto, bisogna anche assicurare   la massima igiene.

Quindi bisogna acquistare si i prodotti migliori ma c’è la necessità di utilizzare vasetti e tappi che, di volta in volta prima del loro

utilizzo, andranno accuratamente lavati e poi sterilizzati in acqua bollente per 30 minuti.
Questo procedimento è fondamentale per non far sviluppare microbi pericolosi per la salute del bambino.
Inoltre, una volta che gli omogeneizzati sono  pronti, è anche importante scrivere un’etichetta adesiva dov’è ci sia specificato il

contenuto e la data in cui sono stati fatti, per poi riporli in freezer e scongelarli, prima dell’utilizzo, a temperatura ambiente.

Ovviamente possono essere preparati vari tipi di omogeneizzati tipo dolci alla frutta, quelli che contengono verdure, carne e pesce.
È fondamentale scegliere prodotti biologici con cui fare gli omogeneizzati in casa, quindi privi di sostanze chimiche che potrebbero

essere dannose.


È consigliabile eliminare il sale ed è, invece, indicato aggiungere olio extravergine di oliva, evitando così l’olio di semi

che invece è  utilizzato negli omogeneizzati industriali.

Per quanto riguarda gli omogeneizzati alla frutta bisogna prediligere frutta di stagione e preferibilmente a km zero.

Occorre pulire, sbucciare e tagliare a pezzetti la frutta; mele e pere possono essere grattugiate e ridotte in purea,

aggiungendo anche alcune gocce di limone per evitare che scurisca.
Invece la banana basta schiacciarla con la forchetta; le prugne si bollono nell’acqua, con una quantità di

acqua pari alla metà del peso della frutta.
È indicato anche frullare la frutta, in più se non si consuma tutta subito si può conservare  in un vasetto

sterile a chiusura ermetica e riproporla al pasto o merenda successiva.

Anche gli omogeneizzati di verdura si preparano facilmente, basta lavare e tagliare accuratamente gli ortaggi, cuocerli a vapore e poi frullare.
Devono essere conservati in vasetti sterili con chiusura ermetica.

Per preparare gli omogeneizzati di carne si possono utilizzare diversi tipi: di pollo, tacchino, coniglio, agnello, puledro, vitello, manzo, filetto di maiale.
È fondamentale usare un frullatore con la caraffa e non quello a immersione, inoltre bisogna sapere che le bolle di aria,

che eventualmente si formeranno, si scioglieranno quando si stempera l’omogeneizzato nel brodo caldo.
Per la preparazione bisogna pulire dal grasso e lavare la carne, poi la si taglia a pezzetti e la si cuoce a vapore.
Stesso procedimento valido anche per la preparazione di quelli al pesce, che va pulito e lavato perfettamente, cotto a vapore e poi frullato.
Regolare la consistenza, sia di quello alla carne che al pesce, frullando e aggiungendo dell’acqua di cottura fino ad

ottenere un composto omogeneo e vellutato.
Se non si consuma subito, l’omogenizzato di carne o pesce lo si può conservare in dei vasetti con chiusura ermetica

precedentemente sterilizzati, da poter consumare a breve o da congelare.

In conclusione realizzare degli omogeneizzati in casa è molto facile e salutare.
Infatti non  conterranno mai tutti quei conservanti e aromi che sono messi nei vasetti che si trovano in commercio,
senza contare poi il pregio di poter scegliere personalmente la qualità degli ingredienti e va tenuto anche in

considerazione il vantaggio economico che se ne può trarre.

Ti potrebbe interessare:

Attività calmanti per la sera, da far fare ai propri bambini.

Come fare il bagno a un neonato

L’importanza del gioco dei travasi con l’acqua.

omogeneizzati fatti in casa, omogeneizzati frutta fatti in casa, omogeneizzato fatto in casa, come fare un omogenizzato, omogenizzato eurospin,

Forgot Password