Home » Semi di melone,fonte di numerosi benefici per l’organismo

Semi di melone,fonte di numerosi benefici per l’organismo

by Eleonora
0 commento 10 Minuti Leggi
semi di melone benefici organismo

semi di melone benefici organismo

Il melone è una pianta rampicante annuale che appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae, come la zucca e cocomero, con una polpa dal sapore dolcissimo, profumo

inebriante e all’interno ricco di semi commestibili.

Oltre ad essere consumato a solo, la sua polpa si presta moltissimo alla preparazione di numerose ricette sia dolci che salate, mentre i suoi semi vengono sempre cestinati.

Ma bisogna sapere che buttare via i semi del melone è una cosa sbagliata, poiché questi sono fonte di numerosi benefici per il nostro corpo e

possiedono tantissime proprietà e proprio per questo possono essere definiti “ semi della salute”.
Nei semi del melone è contenuta una buona percentuale di proteine, tipo acido glutammico, arginina e triptofano, insieme a diversi composti bioattivi come

gli acidi fenolici, flavonoidi, tocoferolo, fitoestrogeni, composti volatili e altre molecole importanti per il nostro benessere.

Precisamente i semi di melone, in base alla varietà, contengono un’alta percentuale di proteine che può andare dal 15 fino al 27% , quindi

costituiscono una buona fonte alternativa di aminoacidi essenziali.


Effettivamente le proteine sono composte da amminoacidi e quelle contenute nei semi di melone sono ricche di amminoacidi essenziali, tra cui il triptofano,

la leucina e la fenilalanina insieme ad amminoacidi non essenziali come l’acido glutammico, arginina e acido aspartico.

È utile sapere che l’acido glutammico è in grado di migliorare la funzionalità intestinale e il sistema immunitario, invece l’assunzione

di arginina può contribuire a ridurre il grasso corporeo e aumentare la massa muscolare. semi di melone benefici organismo

Mentre l’acido aspartico è precursore di amminoacidi essenziali come la metionina e la lisina.Inoltre i semi di melone sono ricchi di acidi fenolici, come

l’acido gallico e l’acido vanillico ( composti che vantano proprietà antinfiammatorie, antimutagene e antitumorale ) e flavonoidi
Specificatamente l’acido vanillico svolge anche un’azione antibatterica, invece l’acido idrossibenzoico possiede proprietà antifungine e antimicrobiche.

Flavonoidi tipo l’apigenina, insieme altre sostanze tipo il resveratrolo sono da considerarsi i responsabili dell’attività antiossidante, utile a combattere lo stress ossidativo.

E per finire i semi di melone contengono diversi composti volatili, tra cui esteri e terpeni, responsabili dell’aroma fruttato e dolciastro.

Assumere queste sostanze significa attuare un’effetto antiossidante ed in più cercare di prevenire malattie cardiovascolari e tumori di vario tipo.

Proprio per tutto quello che è stato appena detto è sicuramente molto utile consumare i semi di melone; basta semplicemente pulirli accuratamente privandoli dai

filamenti e lavandoli con l’acqua.

Dopo aver fatto ciò bisogna essiccarli al sole o con l’essiccatoio per qualche giorno, per poi essere conservati in un barattolo sterilizzato e con chiusura ermetica.

Oltre a poter essiccare i semi, questi possono anche essere tostati a fuoco basso per qualche minuto, dopo aver riscaldato un cucchiaio di olio in una padella.

Tostare i semi li rende più saporiti, inoltre è possibile anche aggiungere del sale ed essere consumati come uno snack salutare tra un pasto e l’altro oppure essere

utilizzati per arricchire insalate, panini, toast e altri piatti.

Mentre se i semi non vengono salati, possono anche essere aggiunti in yogurt, macedonie di frutta o frullati. 
In realtà è possibile realizzare con i semi di melone, anche una bevanda fresca, gustosa e dissetante.

Basta utilizzare i semi del melone, la sua polpa e dell’acqua minerale liscia; frullare il tutto, filtrare il liquido ottenuto e consumarlo ben freddo.In più

se si vuole utilizzare questa bevanda durante un aperitivo si può renderla leggermente alcolica aggiungendo un po’ di liquore tipo Vermut.

Le dosi vanno ad occhio, in base a quanto se ne vuole preparare, se si desidera un gusto molto carico di melone oppure dal grado alcolico che si vuole ottenere.

Una volta preparata la bevanda si può conservare due o tre giorni in frigorifero.

Ti potrebbe interessare:

Come riuscire a curare le afte della bocca con i rimedi naturali

Righe verticali sulle unghie: le cause e la cura

Come combattere la cistite e le recidive con i rimedi naturali

You may also like

Nel blog si parlerà un po’ di tutto quello che può interessare alle famiglie, bambini, salute, curiosità, benessere, informazione e ricette.

Scelti da noi

Articoli Recenti

ealcubo.org Right Reserved.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?
-
00:00
00:00
Update Required Flash plugin
-
00:00
00:00