Pubblicità

MAGAZINE

Il meglio del Blog

Tamarindo: un frutto antiossidante dai grandi benefici anche per l’intestino.

Tamarindo: un frutto antiossidante dai grandi benefici anche per l'intestino. Il tamarindo è considerato una pianta sacra ed è originaria..

tamarindo

Il tamarindo è considerato una pianta sacra ed è originaria dell’Africa.

Questa pianta produce frutti simili alla carruba, con un’aroma gradevole e rinfrescante.

Il tamarindo è noto anche come dattero dell’India, è un albero da frutto esotico, molto diffuso nelle zone tropicali.

Viene coltivato in alcuni paesi dell’Asia, come l’India, il Bangladesh, lo Sri Lanka, la Thailandia e l’Indonesia, in America centrale, ad esempio in Costa Rica, e in alcuni paesi dell’Africa occidentale.

È una pianta sempreverde, appartenente alla famiglia delle leguminose, capace di raggiungere fino a 30 metri di altezza e riesce a crescere pure in terreni molto poveri.

Il frutto del tamarindo è un legume, e’ un baccello con una forma simile a una salsiccia, lungo 10 cm circa, dal colore marrone chiaro o verde.

Contiene alcuni semi, che sono circondati da una polpa di colore marrone scuro e che rappresenta il 55% dell’intero frutto.

La polpa è la parte più usata del frutto, possiede un gusto acidulo, che viene utilizzata per speziare diversi piatti, come patate, riso, Sambhar, zuppa indiana di verdure e lenticchie.

È anche l’ingrediente di diverse salse e può essere usata pure per la produzione di una bevanda rinfrescante molto diffusa in Sicilia.

Bisogna sapere che tutte le parti del tamarindo, quindi baccello, semi e polpa, sono ricchi di proteine e flavonoidi ed hanno un elevato valore nutrizionale.

Proprio per questo motivo è un alimento molto diffuso nelle zone più povere mondo.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che questo frutto esotico, può essere considerato una fonte di tutti gli amminoacidi essenziali, eccetto del triptofano.

Inoltre apporta una buona quantità di nutrienti e in particolare di fibre, contiene magnesio (100 g di tamarindo apportano un quantitativo di magnesio pari al 40% della quantità giornaliera consigliata), ferro, potassio e fosforo (100 g contengono circa il 19% del fabbisogno medio giornaliero).

Proprietà del tamarindo

Il tamarindo possiede molteplici proprietà benefiche, tanto è vero che è ampiamente utilizzato nella medicina tradizionale dei paesi tropicali.

Grazie ad alcune proprietà del tamarindo, rendono questo frutto adatto in caso di problemi di digestione e a livello gastrico.

Possiede buone proprietà lassative ed è un ottimo regolatore intestinale, per merito degli acidi organici contenuti all’interno della sua polpa.

Le sue principali proprietà sono:

  • lassativa: grazie al contenuto di potassio, acido tartarico e acido malico delle foglie, che vanno consumate in infusione;
  • antidiarreica: la polpa di tamarindo e la sua radice vengono utilizzate nella medicina tradizionale per il trattare la dissenteria;
  • antiossidante: grazie ad uno studio del 2012 e’ stato dimostrato che il suo consumo esercita un effetto positivo nei confronti di alcune patologie tumorali, grazie al contenuto di acido ellagico, clorogenico, caffeico e di alcuni diversi flavoni;
  • antimicrobica: il principio attivo posseduto dai semi, la tamarindina, capace di svolgere un’azione antinfettiva e antibatterica efficace contro alcuni virus e batteri e agenti patogeni tipo la salmonella e l’escherichia coli;
  • antidiabete: consumare questo tipo di frutto sembra far abbassare la glicemia e il livello di colesterolo ematico.

Ti potrebbe interessare:

La patata e i benefici sulla pelle e capelli.

Cellulite addio grazie al caffè

Eliminare le macchie della pelle in modo veloce e naturale

Forgot Password