Home » Pasta e patate al forno ( ricetta cosentina).

Pasta e patate al forno ( ricetta cosentina).

by Piero
0 commento 4 Minuti Leggi

pasta e patate al forno

La pasta è l’alimento più buono e più cucinato in tutta Italia.
È così versatile che si può cucinare in un’infinita’ di modi, e sicuramente in qualsiasi modo la si possa cucinare resta un

alimento che incontra i gusti di tutti grandi e piccini.
La pasta e patate al forno, meglio conosciuta come pasta e patate ara tiella, è una ricetta tipica cosentina e come quasi tutte le ricette

calabresi è realizzata con ingredienti semplici e poveri.
Originariamente tutti gli ingredienti venivano messi a crudo all’interno di una teglia ( tijeddra o tiella in cosentino) e cotti poi nel forno a

legna, dove al mattino era stato cotto il pane e con il calore rimasto, la pasta assorbiva il pomdoro e le patate si ammorbidivano

rendendo questo piatto cremoso e saporito.

INGREDIENTI:
Pasta ( penne rigate, rigatoni, ziti )
Salsa di pomodoro
Patate
Olio di oliva
Sale
Pepe
Caciocavallo
Formaggio grattugiato ( grana più pecorino)
Pan grattato

PROCEDIMENTO 1
Questa pasta e patate al forno si può realizzare seguendo due strade diverse.
La prima consiste nel mettere nella teglia tutti gli ingredienti a crudo, andando a rispettare

quindi la tradizione originale per cui:
lavare e sbucciare le patate e tagliarle a rondelle;
tagliare a cubetti il caciocavallo;
in una ciotola versare la passata di pomodoro e condire con abbondante olio di oliva, sale e pepe;
in una teglia mettere sul fondo uno strato di sugo;
mettere uno strato di pasta cruda sopra e un pizzico di sale;
subito dopo uno strato di patate crude un pizzico di sale sopra;
cubetti  di caciocavallo sopra le patate;
ricoprire lo strato con del sugo;
fare di nuovo uno strato di pasta con un pizzico di sale;
si prosegue con le patate e un pizzico di sale;
si mettono sopra cubetti di caciocavallo;
ancora uno strato di sugo;
ancora la pasta con un pizzico di sale;
mettiamo tutto il sugo rimasto ricoprendo bene l’ultimo strato;
versiamo un bicchiere d’acqua;
ricopriamo la teglia con carta argentata e la mettiamo nel forno a 180 gradi per almeno 40 minuti.
Trascorsa una mezz’ora togliamo la carta argentata e mettiamo sopra un misto di formaggio grattugiato sia grana che pecorino e un po’ di pan grattato.
Continuare la cottura nel forno e far fare la crosticina sullo strato superiore.

PROCEDIMENTO 2
Con questo secondo procedimento si cuociono tutti gli ingredienti prima di metterli nella teglia, quindi:
in una pentola mettere abbondante olio di oliva , pepe, cipolla, uno spicchio d’aglio ( da togliere non appena il sugo è cotto )fare soffriggere

ed aggiungere la passata di pomodoro e il sale;
sbucciare e tagliare a rondelle le patate;
in una pentola capiente mettere a bollire dell’acqua e come bolle versare dentro le patate e far bollire per 5 minuti;
trascorsi i 5 minuti aggiungere la pasta salare e far bollire per altri 5 minuti;
passati gli altri 5 minuti scolare e condire patate e pasta con due terzi del sugo pronto e i cubetti di caciocavallo;
travasare la pasta in una teglia forno, mettere sopra il sugo rimasto e cospargere con il formaggio grattugiato e pan grattato.
Mettere nel forno a 180 gradi per circa 20 minuti, fino a quando non si crea una crosticina sopra.

Ti potrebbe interessare:

Scarola e fagioli, ricetta cosentina

Patate mpacchiuse Calabresi.

Torta pasqualina salata.

You may also like

Nel blog si parlerà un po’ di tutto quello che può interessare alle famiglie, bambini, salute, curiosità, benessere, informazione e ricette.

Scelti da noi

Articoli Recenti

ealcubo.org Right Reserved.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?
-
00:00
00:00
Update Required Flash plugin
-
00:00
00:00