Home » Perché tutti i bambini dovrebbero contribuire alle faccende domestiche.

Perché tutti i bambini dovrebbero contribuire alle faccende domestiche.

by Piero
0 commento 6 Minuti Leggi

bambini faccende domestiche

Aiutare la propria mamma a fare i mestieri di casa, è un’attività, che quasi sicuramente, tutti hanno fatto nella loro infanzia; passare la scopa, lo straccio, lavare i piatti

oppure togliere la polvere e tutto ciò è stato visto sempre come un gioco.
In realtà questa attività è da considerarsi un gioco molto educativo, quindi è un’ottima abitudine giocare con i bimbi alle faccende domestiche, rendendole questa

attività più seria durante la crescita.
Quindi fare in modo che tutti i bambini possano contribuire alle pulizie della casa certamente è un’abitudine montessoriana educativa davvero importante.
Insegnare ai bambini, sin da piccoli, l’importanza della pulizia e dell’ordine servirà a trasmettere loro il rispetto e cura di ciò che sta attorno.
Si potrà acquisire l’ autostima, utile al raggiungimento di una propria futura indipendenza, se ne potrà ricavare un’ordine
interiore che è fondamentale nella vita di ognuno di noi.
Infatti è stato provato che vivere nel disordine, ci fa vivere nel caos mentale, per tanto riordinare ciò che sta all’esterno consente di riordinare, involontariamente, anche la propria mente.
Facendo le pulizie domestiche fin da piccoli si acquisisce anche la responsabilità, poiché man mano che si cresce questo compito diventa più importante per noi stessi e per le

persone con cui si vive e per la reciproca fiducia, dove ognuno fa affidamento sull’altro nello svolgimento di un determinato compito.


Oltre alla responsabilità, si riesce a raggiungere l’indipendenza che è uno dei pilastri educativi Montessori, necessaria affinché si verifichi la crescita sana e completa del

bambino, perché prima questo raggiunge la capacità di “fare da solo”, prima riuscirà in tutto quello che si propone.
Infatti se un bambino impara l’indipendenza, imparerà anche a fare affidamento sulle proprie capacità e non su quelle altrui.
Non per niente, Maria Montessori, ha sempre consigliato ai genitori di affidare ai bambini compiti “adulti”, come lo stendere, il lavare i panni, i piatti, l’apparecchiare e fare le

faccende di casa; che inizialmente il piccolo vedrà come un gioco ma in realtà trattasi di un’attività educativa completa molto utile per la sua crescita.
Ecco perché Maria Montessori, suggerisce di creare una cleaning station montessoriana, ovvero una stazione delle pulizie a misura di bambino.
Basta prendere un un semplice mobiletto e metterlo dietro la porta della cameretta, riempirlo con l’occorrente di cui il bambino avrà bisogno per aiutare nelle pulizie e scegliendo

sempre prodotti naturali e altezze adatte a lui.
Bisogna mettere una piccola scopa alta circa 70 cm, piumino da spolvero possibilmente in piume naturali, un mocio, fatto apposta per i bambini semplice e pratico per lavare

i pavimenti, ed infine mettere gli stracci e le spugne, da bagnare e passare sui mobili.

Ti potrebbe interessare:

Metodo Montessori: quali sono le faccende di case più adatte al bambino in base all’età.

Il perché i bambini mordono e come farli smettere subito.

L’età giusta per dare il primo cellulare ai bambini.

You may also like

Nel blog si parlerà un po’ di tutto quello che può interessare alle famiglie, bambini, salute, curiosità, benessere, informazione e ricette.

Scelti da noi

Articoli Recenti

ealcubo.org Right Reserved.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?
-
00:00
00:00
Update Required Flash plugin
-
00:00
00:00